Skip to content

Meeting europeo sulle tecnologie assistive. La partecipazione italiana

Posted in News dai centri

C’era anche la Fondazione Don Gnocchi, aderente al GLIC, tra gli enti e istituzioni che hanno partecipato nelle scorse settimaneall’incontro europeo dedicato alla “Consultazione globale sulle grandi sfide della misura degli effetti della Tecnologia Assistiva”.
Hanno dato un contribuito all’organizzazione dell’iniziativa e sono intervenuti con testimonianze sulla loro esperienza nel campo delle tecnologie assistive l’ingegner Claudia Salatino e il dottor Antonio Caronni, rispettivamente bioingegnere della UOS DAT (Domotica, Ausili e Terapia Occupazionale) e medico fisiatra al Centro IRCCS “Don Gnocchi” di Milano. Le tecnologie assistive sono quelle che abilitano le persone a vivere in salute, ad essere autonome, ad avere una vita dignitosa e a partecipare all’educazione, al lavoro e alla vita sociale.

La consultazione globale è stata organizzata da GAATO (Associazione globale delle organizzazioni che nel mondo operano nel settore delle tecnologie assistive), attraverso otto incontri in altrettante regioni del mondo. L’ incontro “regionale” europeo è stato coordinato dall’associazione AAATE (Association for the Advancement of Assistive Technology in Europe), della quale è membro la Fondazione Don Gnocchi e del cui Board fanno parte anche il vicepresidente della rete GLIC e l’Ausilioteca AIAS Bologna anch’essa aderente al GLIC.
I risultati emersi da ciascun incontro saranno presentati ad un evento di consultazione globale nel 2022, i cui esiti verranno inseriti nel prossimo GREAT (Global Report on Assistive Technology) Report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La consultazione ha visto la partecipazione di oltre cinquanta esperti europei nel settore delle tecnologie assistive: tra loro, professionisti, utenti e caregivers. Per l’Italia hanno partecipato anche l’Istituto Superiore di Sanità, la Rete GLIC dei Centri di consulenza ausili, l’Ausilioteca di Bologna e il Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità.
Con questo documento l’OMS ha voluto confermare la propria attenzione al tema delle tecnologie assistive e sulla base dei dati raccolti si è proposta di far emergere le possibili aree di miglioramento, sia nella raccolta dei dati che nel percorso di acquisizione.

Leggi il documento dell’OMS sulle tecnologie assistive
https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/344520/WHO-EURO-2021-3173-42931-59954-eng.pdf

Il presente articolo riprende, con alcune modificazioni, quanto già disponibile nel sito della Fondazione don Gnocchi a questo link
https://www.dongnocchi.it/news-ed-eventi/@news/tecnologie-assistive-anche-la-don-gnocchi-al-meeting-europeo